Home LaccoNews Cronaca Inferno di Fuochi a Monte Vico, il disastro si ripete
14 | 11 | 2019
Isole News
Piemonte News
Friuli Venezia Giulia News
Trentino AltoAdige News
Abruzzo News
Umbria News
Liguria News
Lombardia News
Toscana News
Veneto News
Emilia Romagna News
Marche News
Campania News
Lazio News
Puglia News
World News
Ricerche Storiche
Annunci Gratuiti
Music Story
OnLine
 2423 visitatori online
Web Link
Newsflash Napoli

Napoli: Serie b2 maschile girone g

Esordio vincente per il Rione Terra Pozzuoli Volley che espugna il campo della Virtus Tricase Volley nella prima di campionato di serie B2. La squadra di coach Costantino Cirillo è stata fin dall'inizio attenta e non ha lasciato scampo agli avversari determinata di centrare il successo. L'1-3 come risultato finale lascia ben intendere cosa i gialloblù hanno speso sul parquet in terra pugliese. Il primo set è equilibrato con il Rione Terra che riesce a mettere a terra nel finale i punti decisivi vincendolo per 21-25.

Newsflash Ischia

Ischia: Per la prima volta all'isola d'ischia il servizio di Ischiawifi internet e telefonia Voip 24/24. Call Center 19301328

Ischia Wifi è un servizio di connettività Internet e telefonia VoIP, messo a disposizione dell’utenza tramite WADSL (Wireless ADSL). L'azienda nasce da un accurato studio ed esperienza del mercato wireless in tutti i suoi aspetti più ragionevolmente conosciuti come la diffusione di Internet ad alta velocità (banda larga) in ambienti circoscritti che siano aperti, come valli, comuni o intere città, oppure per ambiti più ristretti come piazze, locali, attività ricettive e commerciali fino ad arrivare a fornire un servizio di tipo residenziale con inclusa telefonia VoIP.

Newsflash Capri

Capri: Capri watch, domani a Napoli cocktail con Veronica Maya per Millefiori triplo brindisi per il brand che inaugura cosi' il primo flagship store partenopeo

Triplo brindisi per Capri Watch domani sera a Napoli con Veronica Maya, testimonial femminile del brand e madrina dell’evento con cui l’azienda di orologeria glamour in un colpo solo festeggerà con i suoi fedelissimi il Natale ormai alle porte, certo, ma anche due eventi molto attesi da tutti i suoi fan: l’inaugurazione del primo flagship store partenopeo, in piena via Filangieri, e la presentazione in anteprima della nuovissima collezione “Millefiori” con cui l’azienda intende accompagnare le ore dei trend addicted internazionali per tutto il 2015.

Newsflash Casamicciola

Casamicciola: Sabato 5 luglio 2014 alle ore 11 al Capricho de Calise in Piazza Marina di Casamicciola Terme, su invito del Sindaco Giovan Battista Castagna

si incontreranno i Sindaci dei Comuni delle isole Ischia,Procida e Capri
ed il Sindaco di Napoli, nella qualità di prossimo Sindaco dell’Area Metropolitana,
per confrontarsi sul da farsi per dare assetto e dignità al trasporto marittimo.

Newsflash Roma

Roma: Vasto Film Fest XX edizione

Mercoledì 5 agosto 2015 – ore 11
Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale
Via Tuscolana 1524, 00173 Roma
Interverranno:
Luciano Lapenna – Sindaco Comune di Vasto
Vincenzo Sputore - Vice sindaco e Assessore con delega al turismo e cultura Comune di Vasto
Michele D’Annunzio – Dirigente settore turismo e cultura Comune di Vasto
Marcello Foti - Direttore Generale del Centro Sperimentale di Cinematografia
Gabriele Antinolfi - Direttore Cineteca Nazionale
Daniela Poggi – Conduttrice Vasto Film Fest
Stefano Sabelli – Direttore artistico Vasto Film Fest

Isola News

Forio: Alle Votazioni ... ecco le liste

Forio: Alle Votazioni ... 20 Liste presentate a Forio !!!

Sono nove le liste a sostegno della candidatura a sindaco di Forio di Francesco Del Deo

Leggi tutto...
Inferno di Fuochi a Monte Vico, il disastro si ripete PDF Stampa E-mail
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 
LaccoNews - Cronaca
Scritto da Ida Trofa   
Domenica 20 Maggio 2007 23:04

Inferno di Fuochi a Monte Vico, il disastro si ripete

Inquietanti i risvolti per la postazione di sparo all'imboccatura del suggestivo parco naturale a picco sul mare. I tecnici della ditta avevano avvertito sulla inadeguatezza dei luoghi, ma il sequestro del motopontone ha impedito lo spettacolo dal mare, obbligando alla scelta della postazione. In allerta anche gli abitanti della zona a ridosso dalla location del team “Pirotecnica Vesuviana”. Necessario l'intervento dei vigili del fuoco e l'utilizzo di rifornimenti idrici privati. Sospesa l'esecuzione.

Quest'anno un disastro di fuochi a Lacco Ameno, incidenti e piccoli inconvenienti hanno rovinato una festa meravigliosa, rendendo vani gli sforzi e l'impegno profusi. Resta la rabbia ed il rammarico, la certezza che domani è un altro giorno e che quanto doveva accadere lo è già, purtroppo. Dopo l’impossibilità d’impiegare il tradizionale "pontone" per l'esecuzione degli spettacoli pirotecnici, nella serata conclusiva dei festeggiamenti con il tradizionale spettacolo di spari, preoccupanti, infatti, gli inconvenienti e gl'incidenti determinati dalle forti deflagrazioni e dall'incendio nella zona di Monte Vico. Dunque la scelta di sospendere l’esecuzione prevista vista l’inadeguatezza della location per uno spettacolo dove la gran parte delle prestazioni era affidata all’impiego di botto a ricaduta. Tanto il timore per gli operatori ed i fuochisti rimasti da subito intrappolati dalle fiamme divampate sin dal primo colpo.
Fortunatamente solo fumo e niente arrosto nell’incendio di santa Restituta eppure qualcosa resta.
L'odore acre del fuoco appena spento, della vegetazione e della polvere da sparo bruciati, i segni evidenti dell'azione distruttrice delle fiamme, l'incredulità e lo stupore, la rabbia di quanti sono stati vittima ed insieme testimoni dell'incredibile accadimento. Il rammarico per un mestiere quello di fuochisti sempre più nell’occhio del ciclone odio ed amore della gente che ne ama i  risultati, temendone i mezzi ed a volte criminalizza l’insieme. Sicuramente si tratta di un settore rischioso, ma alla pari di altri impieghi in cui il rischio pur calcolato resta sempre dietro l’angolo.
«Siamo vivi per miracolo!», esordisce sollevato uno dei fuochisti impegnati nello spettacolo di ieri sera, « L’abbiamo scampata bella, era tutto chiuso dalle fiamme e dal fuoco e non sapendo cos’altro fare ci siamo gettati in quell’inferno».
L’immagine atroce e spaventosa di quel mare di fiamme dipinta sui volti attoniti di chi vorrebbe spiegare, dire, ripetere che tutto era stato previsto e che a sparare i fuochi li in quella zona, immersa nel verde e a pochi metri dall'abitato, era pericoloso eppure non si volevano disattendere le aspettative dei tanti estimatori ed amanti della nobile arte. Alla fine, come sempre, tutto è bene quel che finisce bene, tutto sommato i danni alla vegetazione sono stati contenuti, in fiamme solo le sterpaglie secche del sottobosco e qualche tronco e il team della Pirotecnica Vesuviana di Giuseppe e Ciro scudo tutti miracolosamente salvi. I ragazzi del signor Scudo passata così la paura della sera precedente hanno di buona lena cominciato a rimettere insieme i cocci a recuperare le dotazioni ed i mortai rimasto sul piazzale in basso alla collina di Monte Vico, faticosamente riportati sulla strada per esser caricati sul camion che li ricondurrà a casa.
Il verde il ricoperto dei resti delle pirotecniche deflagrazioni, il monte bruciacchiato e sulla postazione di sparo un mare d'involucri, cenere e solo cenere a dominare la scena all'indomani, a poche ore dallo sventato disastro. Disastro inevitabile nella zona di Monte Vico a Lacco Ameno, dove, appunto, è accaduto il fatto la notte del diciotto, se la prontezza ed il sangue freddo di quanti si trovavano sul posto non avesse consentito di domare le fiamme e limitare così i danni di un pericolo annunciato. « Il posto non era adeguato. Avevamo preparato tutti fuochi a ricaduta per lo spettacolo», esordisce alla nostra domanda su come si erano svolti i fatti il signor Scudo, « C’è stato un imprevisto, il pontone non è arrivato ed abbiamo optato per questo promontorio che sicuramente come si è dimostrato non è il luogo ideale. In breve dopo il primo colpo eravamo circondati dal fuoco e davvero abbiamo temuto per il peggio, mentre tentavamo strenuamente di domare le fiamme».
Lo stesso responsabile comunale si sarebbe occupato di stabilire e chiarire i parametri nel cui rispetto si sarebbe dovuto eseguire lo spettacolo. Dunque tutto autorizzato a patto che fossero rispettate le distanze minime previste dall'abitato e dalle zone a rischio. Eppure come si è visto si è trattato di calcoli sbagliati. Quello spettacolo doveva farsi da mare e gli Scudo avevano quasi la certezza che quei fuochi a ricaduta qualche terribile conseguenza l’avrebbero avuta. Ovviamente il Camposanto è si abitato... ma da "cadaveri", dai resti mortali delle umane genti e le zone a rischio, nella fattispecie, non ben individuate, poiché gli spazi a disposizione erano solo quelli alle spalle del sacro luogo, null'altro poteva farsi se non confidare che tutto andasse per il verso giusto e che Santa Restituta intercedesse dall'alto. Così come il fuochista, quella stessa notte non poté fare altro che avvertire di tenere gli infissi aperti e di portarsi al di fuori delle abitazioni onde evitare le possibili ripercussioni delle forti deflagrazioni. Per il rischio personale del team che avrebbe dato vita allo spettacolo si può dire con grossa approssimazione che era tutto calcolato. L'inevitabile conseguenza di una forzatura evidente da parte dei massimi responsabili dell'intera vicenda. Un antico proverbio invita ad imparare dalla Storia e dal passato, si vede che in tema di campagna elettorale la mancata esibizione pirotecnica sarebbe risultata di cattivo auspicio certo non quanto lo è dopo gli esiti visibili a tutti. Certamente un grande risparmio in termini economici, si parla di circa ottomila euro per il solo noleggio del mezzo marino, infatti, e che dunque con la nuova disposizione si sono potuti impiegare in maniera forse più redditizia ed appropriata. Alla luce dei fatti, "appropriata" non in termini di sicurezza e salvaguardia dei luoghi e delle persone coinvolti in maniera diretta anche e soprattutto considerati i precedenti nel genere risalenti a non molti anni fa. Una stecca colossale, dunque, la conclusione di un atteso finale.

Commenti
Nuovo Cerca RSS
Commenta
Nome:
Email:
 
Website:
Titolo:
UBBCode:
[b] [i] [u] [url] [quote] [code] [img] 
 
 
:angry::0:confused::cheer:B):evil::silly::dry::lol::kiss::D:pinch:
:(:shock::X:side::):P:unsure::woohoo::huh::whistle:;):s
:!::?::idea::arrow:
 

3.26 Copyright (C) 2008 Compojoom.com / Copyright (C) 2007 Alain Georgette / Copyright (C) 2006 Frantisek Hliva. All rights reserved."

Ultimo aggiornamento Domenica 28 Febbraio 2010 10:22
 
BlogItalia.it - La directory italiana dei blog Journalist Blogs - BlogCatalog Blog Directory

 

Ulti Clocks content
Cerca nel sito
Ultimi Eventi
Eventi
<<  Novembre 2019  >>
      1  2  3
  4  5  6  7  8  910
11121314151617
18192021222324
252627282930 
Cronaca News
Economia News
Politica News
Mondo News
Musica News
FotoGallery
Archivio